Assemblea elettiva del C.U.P.H. (Consulta Provinciale delle Associazioni dei Disabili) di Trieste   Stampa questo documento dal titolo: . Stampa

Ha avuto luogo venerdì 7 maggio l'Assemblea elettiva del C.U.P.H., Consulta Provinciale delle Associazioni dei Disabili di Trieste. La seduta si è tenuta nell'aula Magna dell'Istituto Regionale Per i Ciechi Rittmeyer di Trieste, in V.le Miramare, 119. Presenti gli Assessori alle Politiche Attive del Lavoro della Provincia di Trieste Adele Pino, alla Protezione e Promozione sociale del Comune di Trieste Carlo Grilli e alle Politiche sociali del Comune di Muggia Giorgio Kosic. L'Assemblea ha riconfermato Vincenzo Zoccano quale presidente dell'organismo. Nella relazione approvata dall'Assemblea, Zoccano ha sottolineato l'importanza dei rapporti istituzionali che il Coordinamento detiene con gli enti locali, i quali riconoscono autorevolezza al C.U.P.H., che, nell'ambito dell'imminente riforma statutaria del Organismo, diverrà "Consulta Provinciale delle Associazioni dei Disabili di Trieste". Il neo confermato Presidente si è poi soffermato sull'importanza della "politica del fare", abbandonando le logiche di contrapposizione e lotta, che non sono più "punti di forza, ma segni di debolezza". Occorre una politica di rilancio basata prevalentemente sulla concertazione, sulla negoziazione e mediazione; elementi questi fondamentali per garantire risposte efficaci alle esigenze della disabilità. Tali esigenze infatti sono direttamente correlate all'eliminazione dello stigma verso la persona con disabilità, che deve necessariamente essere vista come risorsa e non più come un disagio per la collettività. Zoccano, anche Vicepresidente della Consulta Regionale delle Associazioni dei Disabili del Friuli-Venezia -Giulia, ha concluso: "Tanto lavoro resta ancora da fare, lavoreremo con l'aiuto di tutti per costruire un futuro più sereno e meno ostile alle persone con disabilità, perseguendo azioni volte a favorire l'inclusione lavorativa e sociale delle persone con disabilità, accanto ad iniziative di promozione e sensibilizzazione anche verso le famiglie di persone con disabilità, favorendo provvedimenti atti ad alleggerire, per quanto possibile, il carico economico e non solo, che ogni giorno le famiglie sopportano, anche se amorevolmente, verso i propri cari in condizione di disabilità fisica, psichica o sensoriale."



Pubblicazione del: 10-05-2010


« Precedente   Elenco   Successiva »

28-08-2010 ore 11:53Commento n°1 di: Luciano

Titolo Precedente: Staminali anti sclerosi. Ecco le linee guida

Titolo Successivo: Ci risiamo: ancora i «falsi invalidi», mentre quelli veri sono in ginocchio...

Elenco Generale News